sabato 8 settembre 2012

Deadly Captive di Bianca Sommerland



Titolo: Deadly Captive
Autore: Bianca Sommerland
Editore: Noble Romance Publishing
Anno: 2011
Genere: Urban Fantasy (?), Contemporaneo, sub/dom
Ambientazione: Germania, Stati Uniti
Collegamenti con alrti romanzi: si, è il primo della serie "Deadly Captive"
Inedito in Italia

Trama: Lydia awakes, bound and blind, to the whispered urgings of a man who has his hands on her. His words confuse her at first, but she soon understands they are both in the middle of a performance that will determine whether she remains in captivity or dies. The crowd must be entertained, and her cellmate makes sure it is. Forced submission is not the only horror Lydia endures. She has no memories of life before her imprisonment, and Joe, her cellmate, is her only comfort as the powerful creatures that hold them captive torture and debase her. Together, she and Joe cling to the will to survive long enough to break free and seek revenge. Their desire to sustain one another triumphs over their wardens' efforts to destroy them. There is no pain, no suffering, that can tear them apart. Beyond their cell, their love is tested. Can they hold strong in the face of the challenge of the new powers they have gained along with their freedom?

Lydia si sveglia, legata e cieca, per le sollecitazioni sussurrate da un uomo che ha le mani su di lei. Le sue parole la confondono in un primo momento, ma capisce ben presto che si trovano entrambi al centro di una performance che dovrà stabilire se rimarrà prigioniera o morirà. La folla deve essere intrattenuta, e il suo compagno di cella si assicura che sia così. La sottomissione forzata non è il solo orrore che Lydia deve affrontare. Non ha ricordi della vita prima della sua prigionia, e Joe, il suo compagno di cella, è il suo unico conforto, mentre le creature potenti che li tengono prigionieri la torturano e umiliano. Insieme, lei e Joe si aggrappano alla volontà di sopravvivere abbastanza a lungo per liberarsi e vendicarsi. Il loro desiderio di sostenere l'un l'altro trionfa sugli sforzi dei loro custodi per distruggerli. Non c'è dolore, nessuna sofferenza, che li può separare. Al di fuori della loro cella, il loro amore è messo alla prova. Possono rimanere uniti di fronte alla sfida dei nuovi poteri che hanno guadagnato con la loro libertà?

Ero quasi tentata di non scrivere una recensione per questo libro, ma poi ho pensato che fosse giusto raccontare comunque cosa ho provato leggendolo. Partendo dalla premessa che è scritto bene, devo dire che la maggiore emozione che mi ha comunicato è stata di fastidio, arrivare alla fine è stata quasi una sofferenza. Vengono raccontati, a volte nei minimi particolari, stupri, pestaggi, violenza psicologica... e così via. Inoltre si fa riferimento al coinvolgimento di ragazzini o addirittura bambini. No no no! La trama avrebbe dovuto mettermi in guardia ma, ahimè, mi sono lasciata tentare. 
Voto: 4 

Nessun commento:

Posta un commento