giovedì 27 dicembre 2012

Colters' Daughter di Maya Banks



Titolo: Colters' Daughter
Autore: Maya Banks
Editore: Samhain Publishing
Anno: 2011
Pagine: 240
Genere: Erotico, Contemporaneo, sub/dom
Ambientazione: Colorado, USA

Collegamenti con altri romanzi: si, è il terzo della serie "Colter Legacy" (potete trovare la recensione del primo nel blog). La serie è così composta:
  1. Colters' Woman
  2. Colters' Wife (short-epilogue di Colters'Woman)
  3. Callies' Meadow (altro short-epilogue di Colters'Woman)
  4. Colters' Lady
  5. Colters' Daughter
  6. Colters' Promise
  7. Colters'Gift
Inedito in Italia
Livello di sensualità: burning

Trama: Callie Colter once chased sunsets all over the world. Until Max. Together they were a perfect storm of desire, and she reveled in the beautiful burn. Then he disappeared, and the betrayal drove her home to lick her wounds. Who knew he’d have the gall to show his face in her brother’s bar. Max Wilder figures he deserves Callie’s right hook to the jaw, but it changes nothing. He had his reasons for pursuing her across Europe, for making her fall in love with him. But when she took everything he gave and offered more, she changed all the rules. He had no choice in leaving her, but now he’s back. This time for the right reasons. Callie is angry and hurt but powerless against Max’s relentless onslaught. He’ll settle for nothing less than her complete surrender—and her love. Only when she’s back in his arms will he be truly happy. And the damning truth can stay safely tucked away. Except the truth has a way of creeping to the surface, and now Max is out of second chances.

Callie Colter una volta inseguiva i tramonti in giro per il mondo. Fino a Max. Insieme erano una perfetta alchimia di desiderio. Poi lui scomparve, e il tradimento ha spinto Callie a tornare a casa a leccarsi le ferite. Chi lo sapeva che Max avrebbe avuto il coraggio di farsi rivedere proprio nel bar di suo fratello. Max Wilder sa di meritarsi il gancio destro di Callie alla mascella, ma non cambia nulla. Lui aveva le sue ragioni per inseguirla attraverso tutta l'Europa, per farla innamorare di lui. Ma quando lei ha preso tutto quello che lui le ha dato e gli ha offerto in cambio molto di più, ha cambiato tutte le regole. Max non aveva altra scelta che lasciarla, ma ora è tornato. Questa volta per le giuste ragioni. Callie è arrabbiata e ferita, ma impotente contro l'attacco implacabile di Max. Lui non si accontenterà di niente di meno che il suo completo abbandono, e il suo amore. Solo quando lei è tra le sue braccia, lui è veramente felice. E la scomoda verità può stare nascosta. Se non fosse che la verità ha un modo tutto suo di strisciare verso la superficie, e ora Max è a corto di una nuova "seconda" possibilità.

Avevo letto il primo romanzo di questa serie e, come vi avevo detto allora, non mi era piaciuto molto a causa dello strano menage tra la protagonista e i tre fratelli Colter. Ho saltato di proposito il secondo romanzo della serie che ripropone la stessa cosa tra i tre figli maschi dei protagonisti del primo romanzo ed una donna senza fissa dimora, per arrivare al terzo, che finalmente parla di un amore tra due persone.
 La protagonista, Callie, è la figlia dei Colter del primo romanzo e sorella dei Colter del secondo libro. E' uno spirito incontenibile e avventuroso, ama molto viaggiare e vedere posti nuovi. Ora è tornata a casa per riprendersi dopo l'abbandono dell'uomo che amava. Tra i due, oltre al sentimento, esisteva anche una forte passione con un rapporto di tipo sub/dom.
Si sta riprendendo pian piano quando all'improvviso Max ricompare, e vuole tornare assieme a lei.
Ci sono motivazioni dietro le sue scelte, ma devo dire che alla fine le ho trovate piuttosto deboli. Anche lui come personaggio, nonostante sia dominante nella loro relazione, risulta debole di fronte alla vitalità e alla forza di Callie.
La Banks mi piace molto come scrittrice: mi piacciono le sue storie, i suoi personaggi e le sue scene hot; purtroppo non posso dire che questo romanzo mi abbia convinto del tutto. Peccato!
Voto: 6,5

Nessun commento:

Posta un commento