lunedì 8 luglio 2013

Woke Up in a Strange Place di Eric Arvin



Titolo: Woke Up in a Strange Place
Autore: Eric Arvin
Editore: Dreamspinner Press
Anno: 2011
Pagine: 240
Genere: Contemporaneo, M/M, Fantasy Romance
Ambientazione: Nell'aldilà

Collegamenti con altri romanzi: no

Livello di sensualità: warm
Inedito in Italia

Trama: Joe wakes up in a barley field with no clothes, no memories, and no idea how he got there. Before he knows it, he's off on the last great journey of his life. With his soul guide Baker and a charge to have courage from a mysterious, alluring, and somehow familiar Stranger, Joe sets off through a fantastical changing landscape to confront his past. The quest is not without challenges. Joe's past is not always an easy thing to relive, but if he wants to find peace—and reunite with the Stranger he is so strongly drawn to—he must continue on until the end, no matter how tempted he is to stop along the way.

Joe si sveglia in un campo di orzo senza vestiti, senza ricordi, e nessuna idea di come sia arrivato li. Prima di rendersene conto parte per l'ultimo grande viaggio della sua vita. Con la sua guida Baker e il supporto da parte di un misterioso, affascinante, e in qualche modo familiare sconosciuto, Joe viaggia attraverso un paesaggio fantastico che cambia costantemente, per affrontare il suo passato. La ricerca non è priva di sfide. Il passato di Joe non è sempre facile da rivivere, ma se vuole trovare la pace e ritrovare lo straniero da cui è così fortemente attratto, Joe deve andare avanti fino alla fine, per quanto la tentazione di fermarsi lungo la strada sia forte.

Un romanzo molto particolare.

ATTENZIONE, POSSIBILI SPOILERS!

Il protagonista è Joe che affronta un viaggio dantesco per ritrovare il grande amore della sua vita. Si risveglia privo di memoria in un campo d'orzo ma, praticamente subito, viene trovato e accompagnato da un uomo misterioso, Baker (scopriremo alla fine chi è veramente, anche se un'idea me l'ero fatta molto presto!). Il suo percorso non sarà per nulla facile, e nemmeno privo di dolore ma, alla fine sarà ricompensato per tutte le sue traversie. Mi è piaciuto molto questo viaggio quasi onirico, ho apprezzato molto il fatto di scoprire assieme a Joe il suo passato e le sue memorie ma, purtroppo non sono riuscita a sentire veramente le emozioni trasmesse dal romanzo: ho visto, più che vivere, ciò che accade. Comunque una lettura piacevole, con una carrellata di bei personaggi e buoni sentimenti.
Voto: 7,5




Nessun commento:

Posta un commento