martedì 20 agosto 2013

Not His Kiss To Take di Finn Marlowe




Titolo: Not His Kiss To Take
Autore: Finn Marlowe
Editore: autopubblicato (attualmente gratuito su Smashwords)
Anno: 2012
Pagine: 204
Genere: Contemporaneo, M/M, sub/dom
Ambientazione: USA

Collegamenti con altri romanzi: no

Livello di sensualità: burning
Inedito in Italia

Trama: Dr. Evan Harrison has become a recluse, a prisoner inside his own house, felled in his prime by a migraine headache without end. All he'd ever wanted was to be a doctor, and now he's nothing - until chance delivers a beaten and battered Jamie into his care. Fourteen years his junior, gorgeous, mouthy, stubborn and...completely and unquestionably straight. Maybe. Or maybe not... Jamie doesn't know what hit him, other than there were three of them, and that he's broken and in pain and he doesn't know the identity of the kind stranger with the cold stethoscope and warm eyes taking care of him. And he sure as hell doesn't know why he likes his bossiness or finds him sexy.... Chance may have brought them together, but a shared attraction keeps them together long after Jamie’s bruises have faded. As Evan enjoys the longest pain-free stretch he’s known in two years, they begin to explore their attraction, the caresses of a kind Jamie’s never known. But even as Evan revels in his young lover’s first, tentative touches, the guilt is never far from his mind. Jamie’s never looked at another man romantically and Evan’s never looked at anything but. And Jamie won’t kiss him. That would be… gay. Evan wants Jamie’s kiss more than he’s ever wanted anything before in his life, but it’s not his kiss to take, its Jamie’s to give. Evan knows wanting Jamie is wrong, their relationship unethical, a relationship forbidden with just cause. He swore an oath to do no harm. And it’s not only his oaths that are going to get broken--he’s never given his heart away before…

Il dottor Evan Harrison è diventato un recluso, prigioniero dentro la propria casa, distrutto da un'emicrania senza fine. Tutto quello che aveva sempre voluto era essere un medico, e ora non ha più nulla, finchè la fortuna non gli offre Jamie, picchiato e malconcio, alla sua cura. Quattordici anni più giovane di lui, bellissimo, chiacchierone, testardo e ... completamente e indiscutibilmente etero. Forse. O forse no ... Jamie non sa che cosa lo ha colpito, sa solo che erano in tre,che lui è dolorante e devastato, e che non conosce l'identità dello sconosciuto con lo stetoscopio freddo e gli occhi caldi che si stà prendendo cura di lui. E non riesce proprio a capire come faccia a piacergli la sua prepotenza o come mai lo trovi sexy... Il caso può averli uniti, ma un'attrazione profonda li tiene insieme anche molto tempo dopo che i lividi e le contusioni di Jamie sono sbiaditi. Mentre Evan assapora il periodo più lungo senza dolore in due anni, i due cominciano ad esplorare la loro attrazione con carezze di un genere che Jamie non ha mai conosciuto. Ma anche se Evan rinasce con i primi timidi  tocchi del suo giovane amante, il senso di colpa è sempre presente nella sua mente.  E Jamie non vuole baciarlo, baciarlo sarebbe ... gay. Evan vuole il bacio di Jamie più di qualsiasi cosa abbia mai voluto in vita sua, ma sa che non è lui che deve prenderlo, è Jamie che deve darglielo spontaneamente. Evan sa che volere Jamie è sbagliato, il loro rapporto non è etico, è una relazione proibita nata da una giusta causa. Lui ha giurato di non nuocere. E non è solo il suo giuramento che sta per essere rotto - lui non ha mai donato il suo cuore prima d'ora ...

Premessa: se da un certo punto di vista il comportamento di Evan in qualità di medico è eticamente discutibile, la mia recensione non terrà conto di questo. Si tratta di un romanzo perciò un'opera di fantasia che può permettersi certe libertà, la vita reale è tutta un'altra cosa.
Detto questo devo ammettere che questo libro mi è piaciuto, la Marlowe ha la capacità di creare personaggi molto particolari e di narrare scene hot in maniera magistrale. In realtà una buona parte del romanzo è occupata dai continui rapporti tra i due, ma tutto ciò è sostenuto anche da una buona trama. Tra i due protagonisti ho amato sicuramente più Jamie: un personaggio che non ti aspetti. Ferito, abusato, malconcio ma con una forza interiore e uno spirito ribelle che lo sostengono nella difficoltà. Ti aspetteresti una vittima ed invece ti trovi un continuo bastian contrario, con una lingua tagliente e dei modi capricciosi che risvegliano immediatamente l'istinto dominante di Evan. Evan ha sempre voluto essere un medico, ha coronato il suo sogno ma è anche stato costretto a rinunciarci a causa di fortissime emicranie. Ha nuovamente la possibilità di curare qualcuno quando trova Jamie. Il loro è un rapporto particolare e travagliato, dovranno entrambi maturare e venire a patti con se stessi per essere finalmente felici.
Voto: 7,5


Nessun commento:

Posta un commento