sabato 24 agosto 2013

Rilettura: La Regina dei Diamanti di Linda Howard




Titolo: La Regina dei Diamanti
Titolo Originale: Death Angel (2008)
Autore: Linda Howard
Editore: Leggereditore
Anno: 2011
Pagine: 336
Genere: Contemporaneo, Romantic Suspense, Paranormal Romance
Ambientazione: USA

Collegamenti con altri romanzi: no

Livello di sensualità: hot

Trama: A striking beauty with a taste for diamonds and dangerous men, Drea Rousseau is more than content to be arm candy for Rafael Salinas, a notorious crime lord who deals with betrayal through quick and treacherous means: a bullet to the back of the head, a blade across the neck, an incendiary device beneath a car. Eager to break with Rafael, Drea makes a fateful decision and a desperate move, stealing a mountain of cash from the malicious killer. After all, an escape needs to be financed. Though Drea runs, Salinas knows she can’t hide–and he dispatches a cold-blooded assassin in hot pursuit, resulting in a tragic turn of events. Or does it? Left for dead, Drea miraculously returns to the realm of the living a changed woman. She’s no longer shallow and selfish, no longer steals or cheats or sells herself short. Both humbled and thrilled with this unexpected second chance, Drea embraces her new life. But in order to feel safe and sound–and stop nervously looking over her shoulder–she will need to take down those who marked her for death. Joining forces with the FBI, supplying vital inside information that only she can provide, Drea finds herself working with the most dangerous man she’s ever known. Yet the closer they get to danger, the more intense their feelings for each other become, and the more Drea realizes that the cost of her new life may be her life itself–as well as her heart.

Bellezza mozzafiato, appassionata di diamanti e di uomini pericolosi, Drea Rousseau si è sempre accontentata di recitare la parte dell’amante sciocca e innocua. Ancora per poco, però, perché da tempo ha in mente un piano ed è arrivato il momento di metterlo in pratica. Nulla fa sospettare il temibile Rafael Salinas; mai avrebbe potuto immaginare che quell’angelo dagli occhi limpidi è anche un genio telematico, nonché un’abile manipolatrice. Infatti, prima di dissolversi nel nulla, Drea ruba al suo amante due milioni di dollari. Salinas non la lascerà andare senza prima regolare i conti, e mentre la donna cerca di cancellare ogni traccia e riprendere in mano il suo destino, lui assume un killer per ucciderla. Ma a volte per rinascere bisogna ritrovarsi faccia a faccia con la morte, ed è questo che sta per accadere a Drea. E non solo, perché per tornare a fidarsi degli altri e raccogliere tutte le sue forze, dovrà scendere a patti con l’uomo assoldato per ucciderla, con chi minaccia di conquistarla e legarla a sé per sempre. Quando la vendetta è l’unica strada verso la libertà, e la posta in gioco si alza ora dopo ora, scendere a patti con il pericolo sembra l’unica via d’uscita...

Un romanzo un pò fuori dai soliti schemi per la grande Linda Howard, un romanzo che o si odia o si ama - senza mezze misure - e io lo amo molto. Lo rileggo spesso con molto piacere e continua sempre ad emozionarmi.
Ho iniziato dicendo che questo è un romanzo non convenzionale: i protagonisti, la trama e lo svolgimento dell'azione sono inusuali.
I Protagonisti: Drea e il killer sono entrambi personaggi "negativi", entrambi hanno compiuto azioni contro la legge e entrambi vivono una vita "al limite". Poco importa che la vita li abbia condotti ad essere ciò che sono, nessuno dei due cerca delle scuse. Solo assieme troveranno i veri sentimenti e la speranza di ottenere un giorno l'assoluzione per i loro peccati: l'amore come redenzione.
La trama: l'elemento più inusuale di tutta la trama è l'esperienza "paranormale" di Drea. Non mi soffermo molto per non rovinare la lettura a chi ancora non conosce questo romanzo, ma l'elemento in questione è fondamentale per tutta la storia.
Lo svolgimento: questo romanzo inizia con una scena d'amore molto hot e molto ben narrata...poi più nulla per parecchie pagine, al contrario di ciò che accade solitamente nei romanzi.
Un libro che mi sento di consigliare sopratutto per la sua particolarità.
Voto: 8,5

2 commenti:

  1. cavolo ho adorato questo romanzo, mi ha fulminata e non capisco come in Italia sia stato considerato un romanzetto rosa, non lo è, è bellissimo. In America Linda è considerata una scrittrice con i contro fiocchi ma da noi è passata quasi inosservata. Sbagliato. Scrive benissimo, costruisce storie al cardiopalma ma intriganti fino all'ultima riga. Alice

    RispondiElimina
  2. Ciao Alice! Come non concordare con te; purtroppo qui da noi pare che il romantic suspense non funzioni, e scrittici come la Howard e la Stuart (nei contemporanei) vengono pubblicate poco. Speriamo che le cose migliorino!

    RispondiElimina