martedì 24 settembre 2013

Leggere in lingua inglese

Ecco un post insolito ma che vuole "spronare" tutti coloro che per pigrizia o perchè non si sentono preparati si perdono dei bellissimi romanzi che probabilmente in Italia non verranno mai pubblicati. Io ho iniziato a leggere in inglese pochi anni fa, avendo come base solo il mio inglese scolastico (e le superiori le ho finite da un pezzo..ahimè!). Ho iniziato perchè volevo leggere i romanzi della Ward, tutti e subito, senza attendere la traduzione.

Il primo libro in inglese che ho letto è stato però "Sunshine" di Robin McKinley, seguito a ruota da tutta la serie della "Black Dagger Brotherhood" della Ward (mi sono riletta in lingua anche quelli che avevo già in italiano, così da entrare meglio nel mondo dei miei vampiri preferiti).
Non è stato facile e, all'inizio, ho fatto l'errore di fermarmi spesso a consultare il dizionario. Lo definisco un errore perchè la frammentazione ti toglie il gusto e la scorrevolezza della lettura. Poi, aiutata in questo caso dalla mia leggendaria pigrizia, ho smesso di usare il vocabolario e, anche se non capivo la parola, andavo avanti con la lettura, capendo         comunque il senso della frase.


A poco a poco ho iniziato a capire e a gustarmi sempre di più la lettura in lingua tanto che ora leggo quasi esclusivamente in inglese, anche se esistono le traduzioni in italiano (spesso quando recensisco libri tradotti, in realtà li ho acquistati e letti in inglese!).

A darmi un'ulteriore spinta in questo senso è stato l'acquisto del mio ormai inseparabile "Kindle" (anche perchè in casa lo spazio per i libri cartacei stava terminando!); ultimamente leggo moltissimi e-book anche se continuo ad amare molto i libri cartacei per il loro odore e la loro consistenza.

Dove compro i romanzi in lingua? Gli e-book da Amazon, Smashwords e Dreamspinner Press; gli usati da Amazon.com e quelli nuovi da Amazon o da bookdepository.

Spero di esservi stata utile e di avervi invogliato almeno un pò a tentare; il mio consiglio è di iniziare comunque con un e-book: il costo è contenuto e in caso la lettura non facesse per voi non vi resta altro da fare che eliminarlo. Con che autori iniziare? Sconsiglierei scrittori come la Ward che usa tanto slang o la Ashley che, a volte, è un pò ostica nella costruzione delle frasi (anche se dopo il primo romanzo letto si capisce come funziona e scorre che è una meraviglia!) consiglierei invece la Stuart o la Balogh che scrivono molto correttamente e in maniera lineare evitando slang.

Nessun commento:

Posta un commento