mercoledì 9 aprile 2014

Il Palazzo di vetro di Anne Stuart




Titolo: Il Palazzo di Vetro
Titolo Originale: Glass Houses (1989)
Autore: Anne Stuart
Editore: Harlequin - Collana "I Romanzi Americani"
Anno: 1991
Pagine: 178 
Genere: Contemporaneo
Ambientazione: New York, USA
Collegamenti con altri romanzi: no
Livello di sensualità: warm 

Trama: The only thing that stood between Michael Dubrovnik and the creation of Dubrovnik Plaza, his crowning achievement as a developer, was the Glass House. The art deco building was old and begged for demolition. Surely it would be easy to convince the owner to sell it to him. But he hadn't counted on the determination—or the allure—of Laura de Kelsey Winston. The Glass House had been in Laura's family for generations, and she refused to sign over her beloved building so that Michael Dubrovnik could destroy her family's legacy. If it meant war with the most powerful and feared man in Manhattan, Laura was ready for it. But she wasn't ready to enjoy the battle of wills with Michael quite so much, or to come to like him as a person. And yet she knew that in their war, there could be only one victor….

Laura de Kelsey Winston, bellissima "rampolla" di una ricca famiglia dell'East Coast, è fiera di avere ereditato dalla nonna il "Glass House", uno splendido palazzo liberty tutto cristalli e ottoni luccicanti che domina il centro di Manhattan. I problemi cominciano quando si presenta nel suo ufficio il magnetico Michael Dubrovnik, l'uomo che nel mondo degli affari tutti chiamano "tornado" per il suo impeto dirompente. Michael è decisissimo ad acquistare l'edificio per poi demolirlo, ma Laura si dimostra ancora più tenace nel rifiutare ogni offerta. Entrambi, però, non hanno fatto i conti con un possibile, dolce imprevisto...

Sono convinta che se questo romanzo avesse avuto qualche pagina in più e qualche anno in meno sarebbe stato eccezionale, ma anche così si difende bene! Teniamo conto che questo libro risale alla fine degli anni 80; i protagonisti rispecchiano pienamente la vitalità, l'intraprendenza e la pazzia di quegli anni. Laura non è la solita bella e oca: ha un aspetto piuttosto comune, un'intelligenza acuta e non si lascia intimorire da nulla. Nemmeno dal "tornado" Michael, l'uomo d'affari più temuto e più spregiudicato della città. Entrambi sanno ciò che vogliono e non sono disposti a fermare la loro ambizione nonostante la potente attrazione che li lega. Come dicevo non è perfetto: alcune parti sono troppo "ingenue", altre troppo frettolose, ma come succede sempre con un'opera della grande Anne, mi ha emozionato.
Voto: 7

Avete letto questo romanzo? Cosa ne pensate? Vi piacerebbe leggerlo?


Nessun commento:

Posta un commento