venerdì 25 luglio 2014

Aaron di J.P. Barnaby




Titolo: Aarom
Autore: J.P. Barnaby
Editore: Dreamspinner Press
Anno: 2012
Pagine: 238
Genere: Contemporaneo, M/M
Ambientazione: USA
Collegamenti con altri romanzi: si, è il primo libro della serie "Survivor Stories", attualmente così composta:
  1. Aaron: protagonisti Aaron e Spencer
  2. Painting Fire on the Air: Ben e Jude
  3. Spencer: Aaron e Spencer
Livello di sensualità: warm
Inedito in Italia

Trama: I can’t describe what it’s like to want to scream every minute of every day. Two years after a terrifying night of pain destroyed his normal teenage existence, Aaron Downing still clings to the hope that one day, he will be a fully functional human being. But his life remains a constant string of nightmares, flashbacks, and fear. When, in his very first semester of college, he’s assigned Spencer Thomas as a partner for his programming project, Aaron decides that maybe “normal” is overrated. If he could just learn to control his fear, that could be enough for him to find his footing again. With his parents’ talk of institutionalizing him—of sacrificing him for the sake of his brothers’ stability—Aaron becomes desperate to find a way to cope with his psychological damage or even fake normalcy. Can his new shrink control his own demons long enough to treat Aaron, or will he only deepen the damage? Desperate to understand his attraction for Spencer, Aaron holds on to his sanity with both hands as it threatens to spin out of control.

Non posso descrivere cosa si prova a voler urlare ogni minuto di ogni giorno. Due anni dopo che una notte terrificante ha distrutto la sua normale esistenza di adolescente, Aaron Downing si aggrappa ancora alla speranza che un giorno riuscirà ad essere nuovamente un essere umano completamente funzionante. Ma la sua vita rimane un costante susseguirsi di incubi, flashback e paura. Quando, nel suo primo semestre di college, gli viene assegnato Spencer Thomas come partner per il suo progetto di programmazione, Aaron decide che forse "normale" è sopravvalutato. Se solo riuscisse a imparare a controllare la sua paura... questo potrebbe essere abbastanza per ritrovare l'equilibrio. Quando sente i suoi genitori proporre di metterlo in un istituto - sacrificare lui per il bene e la stabilità dei suoi fratelli - Aaron si dispera per trovare il modo di affrontare il suo danno psicologico o addirittura per dare una sensazione falsa di normalità. Riuscirà il suo nuovo strizzacervelli a controllare i suoi demoni abbastanza a lungo per aiutare Aaron, o riuscirà solo a peggiorare il danno? Nel disperato tentativo di comprendere la sua attrazione per Spencer, Aaron si aggrappa alla sua sanità mentale con entrambe le mani poichè rischia fortemente di andare fuori controllo.

Era da tempo che volevo leggere questo romanzo e finalmente mi sono decisa. Non è una lettura facile dati gli argomenti trattati, ma mi ha davvero colpito molto. Aaron, due anni prima dell'inizio del romanzo, è stato aggredito da un gruppo di uomini: la sua migliore amica è morta, e a lui sono rimaste delle cicatrici profonde, nel corpo e nell'anima. Ora lotta ogni giorno per sopravvivere e per andare avanti: non sopporta il contatto fisico (nemmeno quello di sua madre), ha dei fortissimi attacchi di panico e prova un grande senso di colpa nei confronti dei genitori e dei fratelli perchè è convinto che sta rovinando anche la loro vita con la sua presenza. Dopo aver sentito per caso i genitori parlare del suo futuro decide che deve sforzarsi di mostrare una parvenza di normalità e decide di iscriversi al college. Sarà il punto di svolta perchè lì conoscerà Spencer, un ragazzo non udente, che riuscirà  a far breccia nell'universo di solitudine che si è costruito attorno. Mi è piaciuto molto il modo in cui l'autrice narra la vicenda: dalla violenza, appena accennata ma "trasmessa" molto bene dalle parole e dai sentimenti di Aaron, alla "guarigione" che non avviene miracolosamente o improvvisamente. La strada per Aaron e Spencer è lunga e in salita, ma hanno fatto passi da gigante e possono contare l'uno sull'altro.
Voto: 8

Avete letto questo romanzo? Cosa ne pensate? Vi piacerebbe leggerlo?

3 commenti:

  1. Oh si che mi piacerebbe leggerlo...se non erro la Dreamspinner l'ha messo tra i romanzi in traduzione..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pare proprio di si Romy! Non ci resta che attendere

      Elimina
  2. Non vedo l'ora...e aspettiamo pure questo XD

    RispondiElimina