lunedì 11 agosto 2014

Sei Tu il Mio Per Sempre di Katy Evans

In occasione dell'uscita italiana di "Real" di Katy Evans, vi ripropongo la mia recensione (QUI).


Titolo: Sei Tu il Mio Per Sempre
Titolo Originale: Real (2013)
Autore: Katy Evans
Editore: Fabbri Editori
Anno: 2014
Pagine: 380
Genere: Contemporaneo
Ambientazione: USA
Collegamenti con altri romanzi: si, è il primo della serie "Real", così composta
  1. Real: protagonisti Remy e Brooke
  2. Mine: Remy e Brooke
  3. Remy: la storia dal punto di vista di Remy
  4. Rogue: Greyson e Melanie
  5. Ripped: dicembre 2014
Livello di sensualità: hot

Trama: “Una notte è bastata. È sufficiente un suo sguardo e dimentico persino il mio nome. Sono attratta da lui come mai prima in vita mia. Lo voglio. Lo voglio senza paura. Senza riserve. Se solo sapessi che cosa vuole lui da me…” Brooke ha reinventato se stessa dopo la tragedia che le ha cambiato la vita, e ora lavora come fisioterapista. Quando la sua migliore amica la trascina a un combattimento clandestino di pugilato, basta uno sguardo di Remington Tate – l’enigmatico vincitore dell’incontro – a sconvolgere ogni sua certezza. Data la sua fama, quando Remington la invita nello spogliatoio Brooke pensa che si tratti solo di una notte di sesso. Invece il dolce viso di Brooke l’ha colpito con la stessa forza di un gancio che ti coglie alla sprovvista. Remy la vuole a ogni costo e, pur di averla accanto, la assume come fisioterapista. Brooke accetta subito, anche se non ha la minima idea di che cosa l’aspetta. Resistere alla bellezza e alla perfezione di quel corpo è impossibile. Resistere alla sensualità di quel le labbra e di quel sorriso sfrontato è totalmente inutile. Brooke non ha altra scelta che abbandonarsi a Remington, a quel piacere devastante che soltanto lui è capace di farle provare e all’amore incondizionato che pretende. Ma cosa succederà quando il lato oscuro di Remy prenderà il sopravvento?

"Ero indecisa se scrivere o meno questa recensione.

SPOILER

In realtà questo libro mi ha presa davvero molto, è scritto bene, ha una bella trama coinvolgente e appassionante, ha due protagonisti difficili da dimenticare e da non amare...allora perchè non volevo commentarlo? Perchè Remy è affetto da sindrome bipolare, soffre cioè di un disagio mentale che lo porta ad alternare fasi maniacali con fasi depressive (inframezzate ovviamente da periodi più o meno lunghi di benessere). Nella vita reale sò bene cosa voglia dire avere accanto persone che soffrono di queste malattie e la sofferenza che le accompagna. Alla fine ho deciso di parlare comunque di questo romanzo, ma senza commentare il modo in cui l'autrice presenta questo disagio, il modo in cui lo descrive (occhi che cambiano colore?) o le sue opinioni sulle terapie farmacologiche. Voglio parlare semplicemente della bellissima e difficile storia d'amore che si instaura tra due persone così complesse e delicate, allo stesso tempo coraggiose e spaventate. Remy è un ragazzo di 26 anni che ha costruito la sua fama, la sua carriera e la sua ricchezza nonostante tutto e nonostante tutti. Brooke ha dovuto a sua volta reinventarsi dopo che un brutto infortunio al ginocchio ha mandato in fumo le sue speranze da atleta; è diventata una fisioterapista ed ora è in cerca di un'occupazione. Troverà Remy: l'uomo più complesso e spiazzante che abbia mai conosciuto, ma allo stesso tempo l'uomo più sexy, dolce e protettivo che abbia mai sognato. Una bella storia d'amore e di sofferenza, anche se, lasciando da parte il discorso disagio mentale, mi sento di fare almeno una critica all'autrice: ci ripete in continuazione, o meglio Brooke ci ripete in continuazione (dato che il libro è scritto in prima persona) quanto desideri Remy, quanto lui la faccia impazzire e di come sia "wet" (bagnata) solo a vederlo.....cioè, l'avevamo capito già le prime dieci volte che lo diceva, non serviva continuare a ripeterlo in continuazione!!
!"

Nessun commento:

Posta un commento