mercoledì 29 ottobre 2014

Prisoner di Megan Derr



Titolo: Prisoner
Autore: Megan Derr
Editore: Less Than Three Press
Anno: 2011
Pagine: 416
Genere: Fantasy, M/M
Ambientazione: Un mondo in cui tre regni (Kria, Illussor e Salhara) sono in conflitto tra loro
Collegamenti con altri romanzi: si, è il primo libro della serie "Kria", così composta
  1. Prisoner: protagonisti Dieter e  Noname
  2. Bound: Ingolf e Erich
  3. The Bastard King: Reyes e Kinnaird
  4. Devotion: racconto con protagonista Reyes
Livello di sensualità: solo baci
Inedito in Italia

Trama: A man whom all men fear... General Dieter von Adolwulf has led the Scarlet Army of Kria to victory for the past decade, holding the infamous field known as the Regenbogen against Kria's hated enemies-the deceptive Illussor and the ruthless Salharans. War has waged between the three nations for longer than anyone can remember, but no one has held the Regenbogen as well as the notorious Wolf of Kria and his fearsome army. A man who fears nothing... Returning home at the end of the year, the Scarlet Army is attacked in the dead of night by a single man who manages to kill hundreds before he is finally captured. A Salharan soldier with no name, no purpose but to kill, he refuses to bend to the Wolf who takes him prisoner and forces upon him a despicable Krian name. A man with nothing to lose... When the rest of his army is slaughtered by Illussor soldiers desperately seeking his prisoner, Dieter determines to hold fast-both for answers and in revenge for the men he lost. But answers and revenge are hard to come by when surrounded by secrets and treachery, and the man least likely to kill him is the prisoner who most wants him dead.

Un uomo che tutti gli uomini temono... il generale Dieter von Adolwulf ha portato l'armata Scarlet di Kria alla vittoria negli ultimi dieci anni, difendendo il territorio di Regenbogen dall'attacco dei nemici di Kria: gli ingannevoli Illussor e gli spietati Salharans. La guerra si sta combattendo tra le tre nazioni da più a lungo di quanto chiunque possa ricordare, ma nessuno è riuscito a tenere il Regenbogen così a lungo quanto il famigerato Lupo di Kria e il suo temibile esercito. Un uomo che non teme nulla ... Mentre sta tornando a casa alla fine dell'anno, l'armata Scarlet viene attaccata nel cuore della notte da un solo uomo che riesce a uccidere centinaia di uomini prima di essere finalmente catturato. Un soldato Salharan senza nome, senza uno scopo se non uccidere, si rifiuta di piegarsi al Lupo che lo rende prigioniero e gli impone uno spregievole nome Krian. Un uomo con nulla da perdere... Quando il resto del suo esercito viene decimato dai soldati Illussor disperatamente in cerca del suo prigioniero, Dieter decide di tenerselo stretto sia per avere risposte sia per vendicare gli uomini che ha perso. Ma le risposte e la vendetta sono difficili da trovare quando è circondato da segreti e tradimenti, e l'uomo che ha meno probabilità di ucciderlo è il prigioniero che più lo vuole morto.

Un romanzo epico, originale e coinvolgente. Lo stile della Derr è davvero sorprendente: ha preso una storia che poteva essere pesante e difficile da gestire e l'ha trasformata in un libro scorrevole e veloce, eliminando tutte le parti inutili o pesanti e velocizzando (a volte fin troppo...) l'azione. Ha creato un mondo in cui coesistono tre regni: Kria (che basa la sua forza sulle sue armate - Scarlet, Cobalt, Verdant e Saffron), Salhara (che utilizza l'Arcen - una droga - per avere poteri magici e sconfiggere i nemici) e Illussor (un regno in cui la magia è già presente nelle persone fin dalla nascita). I tre regni sono spesso in guerra tra loro, sopratutto Kria e Salhara che si contendono il territorio di Regenbogen. L'uomo più temuto di Kria è il generale dell'armata Scarlet, Dieter von Adolwulf. Dieter è temuto perfino dai suoi stessi uomini. Quando cattura il sicario che ha ucciso un centinaio dei suoi uomini usando la magia, l'unico suo pensiero è la vendetta, fin quando la situazione non precipita. Non voglio rovinarvi la lettura di questo romanzo sorprendente raccontando troppo ma vi assicuro che è una sorpresa continua. Tiene il lettore incollato alle pagine grazie alla trama avvincente ma anche a personaggi che non ti aspetti. Dieter è un generale giovane ma è indurito dalla vita e dall'odio, Noname è un uomo che cerca disperatamente un posto in una società snob e classista, ma è anche impulsivo e immaturo. Sono divertentissimi i battibecchi tra i due ed è veramente bello vedere come si trasformano i loro sentimenti e come entrambi siano troppo testoni per rendersene conto. Interessantissimi e ottimamente caratterizati anche i personaggi secondari: Sol, Iah, Esta, Matti....
Come dicevo l'unica pecca potrebbe essere la velocità con cui si risolvono alcune delle situazioni cruciali del romanzo ma siceramente ho apprezzato molto il fatto che non si dilunghi inutilmente. Inoltre all'inizio può risultare difficile la comprensione di situazioni o avvenimenti che sembrano dati per scontati dall'autrice ed invece tutto viene spiegato dettagliatamente a tempo debito.
I seguiti sono ambientati parecchie generazioni dopo la fine di questo romanzo (peccato!) ma li leggerò sicuramente!
Voto: 8,5


Avete letto questo romanzo? Cosa ne pensate? Vi paicerebbe leggerlo?

Nessun commento:

Posta un commento