lunedì 5 gennaio 2015

The Two Gentlemen of Altona

Titolo: The Two Gentlemen of Altona
Autore: Lisa Henry e J.A. Rock
Editore: Riptide Publishing
Anno: 2014
Pagine: 215
Genere: Contemporaneo, M/M, Romantic Suspense
Ambientazione: Indiana, USA
Collegamenti con altri romanzi: si, è il primo della serie "Playing the Fool", così composta
  1. The Two Gentlemen of Altona
  2. The Merchant of Death (uscita prevista per febbraio 2015) (QUI)
  3. Tempest (marzo 2015) (QUI)
Livello di sensualità: warm
Inedito in Italia

Trama: Mischief, thou art afoot. Special Agent Ryan “Mac” McGuinness is having a rough week. Not only is he on a new diet, but he’s also been tasked with keeping Henry Page—the world’s most irritating witness—alive. Which is tough when Mac’s a breath away from killing the Shakespeare-quoting, ethically-challenged, egg-obsessed Henry himself. Unless killing isn’t really what Mac wants to do to him. Con man Henry Page prefers to keep his distance from the law . . . though he wouldn’t mind getting a little closer to uptight, handsome Agent McGuinness. As the sole witness to a mob hit, Henry’s a valuable asset to the FBI. But he’s got his own agenda, and it doesn’t involve testifying. When evidence surfaces of a mole in the FBI office, Mac and Henry are forced to go into hiding. Holed up in a fishing cabin, they’re surprised to discover that their feelings run more than skin deep. But as the mob closes in, Henry has to make his escape. And Mac has to decide how far he’s willing to go to keep Henry by his side.

L'agente speciale dell'FBI Ryan "Mac" McGuinness sta attraversando una settimana pessima. Non solo ha iniziato una nuova dieta, ma ha ricevuto anche l'incarico di tenere in vita Henry Page, il testimone più irritante del mondo. Ciò si rivela un compito molto difficile quando lo stesso Mac è ad un soffio dall'uccidere lui stesso il "citatore" di Shakespeare, sfidante dell'etica e ossessionato dalle uova Henry! Ma forse ucciderlo non è proprio ciò che vuole fare Mac... Il truffatore Henry Page preferisce mantenere le distanze dalla legge. . . anche se non gli dispiacerebbe avvicinarsi un po' di più al bell'agente McGuinness. Essendo l'unico testimone di un omicidio mafioso, Henry è un bene prezioso per l'FBI. Ma lui ha un suo personale ordine del giorno, e non comporta testimoniare. Quando vengono scoperte le prove che una talpa si nasconde nell'ufficio di Mac, i due sono costretti a nascondersi. Rintanati in una capanna di pesca, sono sorpresi di scoprire che i loro sentimenti sono più profondi di quanto non sembri. Ma, mentre i cattivi si avvicinano, Henry deve fuggire. E Mac deve decidere fino a che punto è disposto a spingersi per tenere Henry al suo fianco.

Questo romanzo si discosta un pò da ciò che solitamente scrivono queste due autrici: meno angoscia e più divertimento. Non fraintendetemi però: non è comunque una storia facile, e i due protagonisti (sopratutto Henry!) combattono con i loro demoni personali. Henry e Mac sono quanto di più diverso l'uno dall'altro immaginabile: tanto uno vive alla giornata arrangiandosi con truffe e furtarelli, tanto l'altro è rigido e rispettoso delle regole, ma si sa... gli opposti si attraggono! E attraggono anche il lettore con i loro continui avvicinamenti e fughe, con i loro battibecchi, con la loro forza ma anche con i loro momenti inaspettati di tenerezza e bisogno di conforto.
Tra i due personaggi il più intrigante è sicuramente Henry che nasconde un passato terribile e ancora in gran parte misterioso. Vi sono siparietti molto divertenti e c'è una tensione sensuale crescente, anche perchè i due vengono sempre interrotti da fattori esterni prima che possano dar sfogo alla loro passione. Come noterete già dai titoli della serie vi sono numerosissimi riferimenti a Shakespeare e alle sue opere: nelle citazioni di Henry, nei nomi (fittizi e non) dei personaggi e nelle atmosfere.
Un romanzo che mi è piaciuto moltissimo e del quale non vedo l'ora di leggere i seguiti... anche perchè il finale ti lascia un bel pò in sospeso!
Voto: 8

Avete letto questo romanzo? Cosa ne pensate? 

Nessun commento:

Posta un commento