lunedì 13 aprile 2015

La Duchessa di Ghiaccio di Alessia Lo Bianco


Titolo: La Duchessa di Ghiaccio
Autore: Alessia Lo Bianco
Editore: EmmaBooks
Anno: 2015
Pagine: 59
Genere: Storico, Romance
Ambientazione: Londra, UK, 1895
Collegamenti con altri romanzi: no
Livello di sensualità: warm

Trama: A Londra la chiamano “la duchessa di ghiaccio”. In realtà Harriet Beresford non è la donna insensibile che tutti credono, è solo una giovane moglie infelice, ferita, respinta dal proprio stesso marito. Per via di uno sfortunato equivoco occorso nel passato, Lucien, il duca di Richmond, si è infatti convinto di essere stato costretto a sposare con l’inganno una creatura crudele e meschina. Distrutta dalla feroce indifferenza riversatale addosso dall’uomo di cui è follemente innamorata, dopo cinque dolorosi anni di matrimonio Harriet decide di partire e provare a ricominciare daccapo la sua vita a Parigi. Non ha fatto i conti con l’ostinatezza di Lucien che, nonostante tutto, non ha nessuna intenzione di lasciarla andare. Complice la magica atmosfera di un ballo nella splendida capitale francese, Harriet e Lucien si vedranno costretti ad affrontare una volta per tutte i fantasmi del passato.

Recensione di Anita:

Questo romanzo ha tutto ciò che amo negli storici: una donna forte e decisa, un uomo duro e spietato, amore, passione, redenzione... insomma, mi è piaciuto!
All'inizio conosciamo Harriet per come la vedono in società (fredda, glaciale, schiva) ma in realtà, con il proseguire della lettura, capiamo che tutto ciò è solo un meccanismo di difesa. Vediamo chi è veramente la duchessa di Richmond e perchè sta soffrendo e impariamo a conoscere anche Lucien e le sue ragioni.
Molto belle le scene finali, dolcissime, che fanno da giusto contrasto alle tensioni precedenti.
Spero tanto che l'autrice decida di scrivere un romanzo anche su Lucille e il suo conte... due personaggi che mi ispirano parecchio.
Voto: 7

Avete letto questo romanzo? Cosa ne pensate? Vi piacciono i romanzi storici o siete più da contemporanei?

Nessun commento:

Posta un commento