martedì 28 aprile 2015

Per una Giusta Causa di Andrew Grey


Titolo: Per una Giusta Causa
Titolo Originale: The Good Fight (2012)
Autore: Andrew Grey
Editore: Dreamspinner Press
Anno: 2015
Pagine: 185
Genere: Contemporaneo, M/M; Romance
Ambientazione: Sioux Falls, USA
Collegamenti con altri romanzi: si, è il primo libro della serie "Una Buona Causa", attualmente così composta
  1. Per una Giusta Causa - The Good Fight: protagonisti Jerry e John
  2. The Fight Within: Bryce e Paytah
  3. The Fight for Identity: Will e Takoda
  4. Takoda and Horse (mini-racconto)
Livello di sensualità: hot

Trama: Jerry Lincoln ha un problema: il suo lavoro di consulente informatico a Sioux Falls è troppo per una persona sola. Fortunatamente, questo significa che può permettersi di assumere dei dipendenti. Jerry spera solo che il suo nuovo assunto, John Black Raven, sia più un aiuto che una distrazione, però è questo l’effetto che gli fanno i suoi occhi scuri e i suoi capelli lunghi. John è venuto in città per studiare e per cercare quella vita che non potrebbe avere nella riserva indiana, ma la cosa più importante per lui è trovare e mantenere un posto di lavoro. Sei mesi fa, sua sorella è morta e i suoi nipoti sono stati dati in affidamento. Pur avendo la legge dalla sua parte, John non riesce a ottenerne la custodia: non può neppure vederli. Quando Jerry e John cominciano ad avvicinarsi, John scopre di non essere da solo nella sua lotta. Jerry lo aiuta a ottenere il diritto di far visita ai bambini e gli sta accanto quando lui ne ha bisogno. Ma anche se vincono qualche battaglia, è difficile vincere la guerra: i servizi sociali sono coinvolti in un giro di denaro, politica e favoritismi, e i bambini nativi sono il loro pane quotidiano. Ma John e Jerry hanno tutta l’intenzione di combattere per una giusta causa e di vincere – su tutti i fronti.

Jerry Lincoln has a problem: his Sioux Falls IT consulting business has more work than one man can handle. Luckily, that means he can hire some help. Jerry just hopes his new employee, John Black Raven, ends up being more helpful than distracting—but John’s deep eyes and long hair are very distracting. John came to town for an education and a chance at a life he couldn’t have on the reservation, but what’s important to him now is getting a job and keeping it. Six months ago, his sister died, and now her children are in foster care. Despite having the law on his side, John can’t get custody—can’t even see his niece and nephew. As Jerry and John grow closer, John discovers he doesn’t have to struggle alone. Jerry helps him win visitation rights and provides much-needed support. Yet their victories aren’t without setbacks. Child Services is tangled up with money, politics, and red tape, and Native American children are their bread and butter. But John and Jerry are determined to fight the good fight and to win—in more ways than one.

Recensione di Anita:

Andrew Grey non delude mai! Con il suo stile essenziale e senza fronzoli narra una storia che ti prende fin dalle prime pagine. Ho apprezzato il modo realistico con cui descrive la vita all'interno delle riserve indiane, fatta di povertà e alcolismo, con pochissime occasioni di lavoro e di riscatto, togliendole quella patina finta e romanzata che solitamente le danno nei romanzi. Ho amato moltissimo anche i due protagonisti così diversi tra loro ma in fondo così simili, in partcolar modo Jerry con la sua maniera altruistica e generosa di aiutare John a riunire la sua famiglia. Fondamentali per il loro sostegno anche gli straordinari amici della coppia. Inutile dire che ho odiato il vicino di casa ficcanaso e la burocrate senza cuore ma, per fortuna, ognuno alla fine ha ciò che si merita. Leggendo questo romanzo sono rimasta sconvolta dal sistema delle adozioni raccontato, spero vivamente che nella realtà ciò non accada ma credo che la storia narrata da Andrew sia assolutamente verosimile, ahimè.
Voto: 7,5


Avete letto questo romanzo? Cosa ne pensate? Vi piacerbbe leggerlo?

Nessun commento:

Posta un commento