lunedì 29 giugno 2015

Murder and Mayhem di Rhis Ford


Titolo: Murder and Mayhem
Autore: Rhys Ford
Editore: Dreamspinner Press
Anno: 2015
Pagine: 236
Genere: Contemporaneo, M/M; Romantic Suspense
Ambientazione: Los Angeles, USA
Collegamenti con altri romanzi: si è il primo (e attualmente unico) libro della serie "Murder and Mayhem". E' collegato anche al racconto "Guardie e Ladri" pubblicato nell'antologia "Grand Adventures" (QUI) perchè Rook è il cugino di Alex.
Livello di sensulità: hot
Inedito in Italia

Trama: Le donne morte non parlano. L'ex ladro Rook Stevens ha rubato molte cose inestimabili in passato, ma non è mai stato accusato di omicidio, fino ad ora. Un discorso è stato trovare un'ex socia all'interno di "Potter's Field", il suo negozio di memorabilia della cultura pop, un'altra inciampare sul suo cadavere. Il detective Dante Montoya pensava di non rivedere mai più Rook Stevens, non dopo che il suo ex partner aveva falsificato le prove per intrappolare il ladro di gioielli e Stevens l'aveva fatta franca. Così, quando ha bloccato un sospetto in fuga da un omicidio, Dante era rimasto scioccato nello scoprire che l'uomo coperto di sangue non era altro che il ladro che aveva cercato di mettere in prigione e che ancora faceva cantare il suo sangue. Rook è determinato a scrollarsi di dosso l'accusa di omicidio contro di lui, anche se questo significa mettere distanza tra lui e il robusto detective cubano-messicano che lo ha catturato. Come se un'artista dell'imbroglio morta non bastasse, altri presto la seguono, e mentre i corpi si accumulano intorno ai piedi di Rook, lui è costretto a chiedere aiuto all'ultimo uomo che si aspetta credere nella sua innocenza, e l'unico uomo che sia mai riuscito ad entrargli sotto la pelle.

Dead women tell no tales.
Former cat burglar Rook Stevens stole many a priceless thing in the past, but he’s never been accused of taking a life—until now. It was one thing to find a former associate inside Potter’s Field, his pop culture memorabilia shop, but quite another to stumble across her dead body. Detective Dante Montoya thought he’d never see Rook Stevens again—not after his former partner’d falsified evidence to entrap the jewelry thief and Stevens walked off scot-free. So when he tackled a fleeing murder suspect, Dante was shocked to discover the blood-covered man was none other than the thief he’d fought to put in prison and who still made his blood sing. Rook is determined to shake loose the murder charge against him, even if it means putting distance between him and the rugged Cuban-Mexican detective who brought him down. If one dead con artist wasn’t bad enough, others soon follow, and as the bodies pile up around Rook’s feet, he’s forced to reach out to the last man he’d expect to believe in his innocence—and the only man who’s ever gotten under Rook’s skin.

Recensione di Anita:

Ve l'ho già detto che adoro quest'autrice? L'ho conosciuta leggendo la sua serie "Sinners" e da allora non mi ha mai deluso. Non fa eccezione la sua ultima opera che narra una storia d'amore difficile ed improbabile tra un poliziotto e il criminale a cui sta dando la caccia da anni. Nelle mani di qualcun'altro questa storia avrebbe rischiato di diventare troppo zuccherosa o poco credibile, invece la Ford riesce a infondere nella narrazione la giusta dose di dramma, dolcezza, humor e avventura. Rook e Dante non potrebbero essere più diversi ma si sa, gli opposti si attraggono. In questo caso, però, l'attrazione deve fare i conti con un passato difficile, con traumi indelebili e con la paura di essere feriti nuovamente. Un romanzo che mi ha emozionta, mi ha fatto ridere e mi ha incuriosita tenendomi incollata alla pagina fino alla fine per scoprire il colpevole... cosa posso chiedere di più?
Voto: 8,5

Avete letto questo romanzo? Cosa ne pensate? Vi piacerebbe leggerlo?

Nessun commento:

Posta un commento