sabato 27 giugno 2015

Un Buono Scheletro di Kim Fielding


Titolo: Un Buono Scheletro
Titolo Originale: Good Bones (2012)
Autore: Kim Fielding
Editore: Dreamspinner Press
Anno: 2015
Pagine: 234
Genere: Contemporaneo, M/M, Urban Fantasy, Romance
Ambientazione: Oregon, USA
Collegamenti con altri romanzi: si, è il primo libro della serie "Scheletri" attualmente così composta
  1. Un Buono Scheletro - Good Bones: protagonisti Dylan e Chris
  2. Buried Bones: Dylan e Chris
  3. Bone Dry: Ery e Karl
Livello di sensualità: hot

Trama: Dylan Warner è giovane, colto e conduce una vita del tutto normale. Non è il tipo che si nota facilmente, fino al giorno in cui, dopo una serata movimentata con un affascinante sconosciuto, non diventa un lupo mannaro. Nonostante tutto, però, Dylan vuole solo continuare a vivere la sua tranquilla – seppur solitaria – esistenza da architetto. Cerca di tenere sotto controllo gli impulsi selvaggi, ma ben presto decide che ne ha abbastanza della città e si trasferisce in campagna, dove gli sarà più difficile far del male al prossimo. La sua nuova casa è un po’ decrepita, ma promettente, e corredata per di più da un nuovo vicino: il sexy, anche se un po’ rozzo, Chris Nock. Dylan assume Chris perché lo aiuti a ristrutturare casa, ma presto si accorge che le sue prime impressioni su di lui erano sbagliate e che Chris, così come la casa, potrebbe diventare un elemento fisso nella sua nuova vita. Tra il mostrare al suo capo quanto vale, resistere al seducente richiamo del suo pericoloso ex-amante e la sua limitata esperienza nel campo delle relazioni sentimentali, per Dylan è molto difficile capire come comportarsi… Come giustificare poi l’irresistibile voglia di ululare alla luna piena che lo coglie ogni mese?

Skinny, quiet hipster Dylan Warner was the kind of guy other men barely glanced at until an evening’s indiscretion with a handsome stranger turned him into a werewolf. Now, despite a slightly hairy handicap, he just wants to live an ordinary—if lonely—life as an architect. He tries to keep his wild impulses in check, but after one too many close calls, Dylan gives up his urban life and moves to the country, where he will be less likely to harm someone else. His new home is a dilapidated but promising house that comes with a former Christmas tree farm and a solitary neighbor: sexy, rustic Chris Nock. Dylan hires Chris to help him renovate the farmhouse and quickly discovers his assumptions about his neighbor are inaccurate—and that he’d very much like Chris to become a permanent fixture in his life as well as his home. Between proving himself to his boss, coping with the seductive lure of his dangerous ex-lover, and his limited romantic experience, Dylan finds it hard enough to express himself—how can he bring up his monthly urge to howl at the moon?

Recensione di Anita:

La Fielding riesce a prendere una classica storia con protagonisti licantropi e a declinarla in maniera magistrale.  Dylan è diventato lupo suo malgrado, dopo essersi innamorato dell'uomo sbagliato. Nei due anni trascorsi dal morso sono cambiate parecchie cose per lui: è diventato irresistibile agli occhi degli altri uomini ma deve anche convivere con il terrore costante di fare del male a persone innocenti. Per quest'ultima ragione decide di trasferirsi in mezzo alla campagna dell'Oregon... e lì incontra Chris. Chris è stato per me la vera sorpresa del romanzo: apparentemente rude, spigoloso e solitario nasconde in realtà una vulnerabilità e un'insicurezza che lo rendono un personaggio unico e dolcissimo.
L'irresistibile mix di forza, debolezza, coraggio e paura che contradistingue i due protagonisti è uno degli aspetti che ho amato di più in questo libro, oltre al modo graduale e naturale in cui la Fielding fa evolvere la storia d'amore tra due uomini complessi e feriti come Dylan e Chris.
Da leggere!!!
Voto: 8


Avete letto questo romanzo? Cosa ne pensate?

2 commenti:

  1. Ciao, sono Ilaria, la traduttrice!
    Volevo solo ringraziarti per la recensione, sono contenta che il libro ti sia piaciuto. Alla prossima! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilaria!!!! Grazie a te per l'ottima traduzione! Alla prossima!!!

      Elimina