mercoledì 16 settembre 2015

Perfect Strangers di Runny Magma


Titolo: Perfect Strangers
Autore: Runny Magma
Editore: Autopubblicato
Anno: 2015
Pagine: 170
Genere: Contemporaneo, M/M, Romance
Ambientazione: Toscana, Italia
Collegamenti con latri romanzi: no
Livello di sensualità: warm

Trama: Un gay musical. Una metal band. E due uomini più simili di quello che pensano…
Una compagnia teatrale sta allestendo uno spettacolo che racconta in musica una storia d’amore tra due ragazzi. Andrea, in qualità di regista e interprete, ci sta mettendo tutto se stesso, anche perché potrebbe trattarsi dell’occasione giusta per continuare a fantasticare su Samuele, il rocker piovuto nella compagnia solo per migliorare l’interpretazione e la presenza sul palco. I due mondi appaiono lontanissimi. Samuele non solo è rozzo e scontroso, ma pure sciupafemmine. E questo dovrebbe togliere ogni speranza ad Andrea, se non fosse che Samuele comincia a provare un certo gusto nello studiarsi la parte...


Recensione di Anita:

"And if you hear me talking on the wind
You've got to understand we must remain
Perfect strangers...
"
Non potevo non iniziare la recensione con le splendide parole della mia canzone preferita dei Deep Purple da cui il romanzo prende il nome!
Apparentemente Andrea e Samuele non hanno nulla in comune e non sono nemmeno visibili nel futuro punti d'incontro: dei "perfect strangers", insomma, che apparentemente tali sono destinati a rimanere. Ma il destino, e alcuni amici preziosi, ci mettono lo zampino facendo capire ai due che hanno in comune molto più di quanto pensino.
Ho divorato il secondo romanzo di Runny ed ho amato molto i due protagonisti. Andrea, all'apparenza perfettino e irraggiungibile, e Samuele, rozzo e sciupafemmine, nascondono in realtà ferite ed insicurezze, nonchè una certa dose di testardaggine!
Ho apprezzato il lento avvicinamento, i dubbi, le paure e infine il coraggio che entrambi dimostrano nel cedere ai sentimenti.
Voto: 8
Avete letto questo romanzo? Cosa ne pensate? Vi piacerebbe leggerlo?

Nessun commento:

Posta un commento