sabato 24 ottobre 2015

Uscite Interessanti: A Un Passo dalla Vita di Thomas Melis

Vi segnalo che, in occasione dell'anniversario dell'uscita del romanzo, lo potete scaricare gratuitamente da Amazon per tutto il week end.

Ecco la recensione che aveva fatto Maria del romanzo:


Titolo: A un Passo dalla Vita
Autore: Thomas Melis
Editore: Lettere Animate
Anno: 2014
Pagine: 326
Genere: Contemporaneo, Noir
Ambientazione: Firenze, Italia
Collegamenti con altri romanzi: esiste un racconto, spin-off, che si intitola "Platino Blindato"

Trama: È una Firenze fredda, notturna e mai nominata quella che fa da palcoscenico alla storia di Calisto e dei suoi sodali, il Secco e Tamagotchi. La città è segnata dalla crisi globale, dietro l’opulenza pattinata del glorioso centro storico si nasconde la miseria dei quartieri periferici. Calisto è intelligente, ambizioso, arriva dal Meridione con un piano in mente e non ha intenzione di trasformarsi in una statistica sul mondo del precariato. Vuole tutto: tutto quello che la vita può offrire. Vuole lasciarsi alle spalle lo squallore della periferia – gli spacciatori albanesi, la prostituzione, il degrado, i rave illegali –, per conquistare lo scintillio delle bottiglie di champagne che innaffiano i privè del Nabucco e del Platinum, i due locali fashion più in voga della città. Calisto vuole tutto e sa come vincere la partita: diventando un pezzo da novanta del narcotraffico. Cupamente, nella rappresentazione di un dramma collettivo della “generazione perduta”, schiava di un sistema socioeconomico degenere e illusa dalle favole di una televisione grottesca, si snoda questa storia di ingiustizie e tradimenti, ma anche di amicizie e amori forti tragicamente condannati. Perché il male non arriva mai per caso e la vita non dimentica mai nulla, non perdona mai nessuno.

Recensione di Maria:

La premessa essenziale di questa recensione è che parliamo del romanzo d'esordio di un giovane autore. Detto ciò, due sono le cose che mi hanno colpito, una in positivo, l'altra in negativo. L'incipit del romanzo è veloce, scorrevole e interessante, come la prima parte del testo; Thomas ha un vocabolario ricco e riesce a materializzare persone, luoghi e situazioni, con una scrittura vivida e mai scontata. Ma a un certo punto la storia rallenta a causa di concetti, descrizioni e sottolineature di personaggi, ribaditi, a mio avviso, eccessivamente, avendo già etichettato per bene il tutti fin da subito. Fortunatamente, quando la storia si avvia verso svolte decisive e conclusive, la narrazione riacquista velocità e la lettura risulta nuovamente piacevole.
Il mio voto per Thomas è 7, il commento conclusivo quello tipico dei colloqui scolastici (senza presunzione, ma con spirito di incoraggiamento): hai fatto bene, ma sono certa tu possa fare di più! :-)

Nessun commento:

Posta un commento