giovedì 14 gennaio 2016

The Glass House di Suki Fleet


Titolo: Glass House
Autore: Suki Fleet
Editore: Dreamspinner Press
Anno: 2015 
Pagine: 180 
Genere: Contemporaneo, M/M, YA, Romance
Ambientazione: UK
Collegamenti con altri romanzi: no
Livello di sensualità: warm
Inedito in Italia

Trama: A diciassette anni, Sasha è un po' perso e molto solitario. Desidera ardentemente l'amicizia e l'amore, ma anche se esteriormente sembra sicuro di se, le sue tendenze autodistruttive gli causano problemi, e allontanano le persone. Creare sculture dai vetri rotti che raccoglie è l'unica cosa che gli porta un po' di pace, ma non è abbastanza e tutti i giorni si sente morire un po' di più dentro. Finché non incontra Thomas. Thomas è timido ma sicuro di sé in un modo che Sasha non può capire. La sua missione è dimostrare a Sasha che è degno d'amore, e non si arrende, nemmeno quando Sasha lo ferisce. A poco a poco Sasha comincia a fidarsi di Thomas. E quando Sasha è costretto ad affrontare il suo passato si rende conto che accettare l'amore di Thomas è l'unico modo per respingere le tenebre.

At seventeen, Sasha is a little lost and a lot lonely. He craves friendship and love, but although he’s outwardly confident, his self-destructive tendencies cause problems, and he pushes people away. Making sculptures out of the broken glass he collects is the only thing that brings him any peace, but it's not enough and everyday he feels himself dying a little more inside. Until he meets Thomas. Thomas is shy but sure of himself in a way Sasha can't understand. He makes it his mission to prove to Sasha that he is worthy of love, and doesn't give up even when Sasha hurts him. Little by little Sasha begins to trust Thomas. And when Sasha is forced to confront his past he realises accepting the love Thomas gives him is the only way to push back the darkness.

Recensione di Anita:

Questa storia mi ha fatto riflettere molto. I protagonisti sono due ragazzi di 16 e 17 anni che si conoscono ed iniziano ad interagire grazie all'arte. Thomas è il più giovane ma è, in qualche modo, anche il più maturo dei due; ha i suoi problemi di salute e autostima ma lotta fin da subito per creare e difendere il fragile rapporto con Sasha. Sasha è un ragazzo complesso che si rivela a poco a poco. Capiamo immediatamente che nel suo passato si cela un trauma terribile, oltre a quello di essere stato abbandonato dalla madre senza nemmeno una parola di addio. Il suo apparente distacco, il suo disinteresse e le sue tendenze autodistruttive sono un meccanismo di difesa, oltre ad un mezzo per trasmettere il suo dolore e la sua disperazione. Con il procedere della narrazione, grazie al supporto incondizionato di Thomas, Sasha riuscirà a ritrovare prima la fiducia in se stesso e poi il coraggio di andare avanti e vivere la vita che merita. Le storie che parlano di violenza (di qualsiasi tipo ma specialmente, come in questo caso, di violenza sui minori) hanno su di me la potenza di un pugno nello stomaco: ciò che mi fa leggere questi romanzi è la speranza che l'autore ci trasmette attraverso il superamento del trauma e la creazione di un futuro migliore. Ho trovato estremamente brava e delicata l'autrice nel narrare una storia difficile, toccante ma anche piena di speranza.

Vi lascio con questo pensiero di Sasha, un passaggio che mi ha commosso e che rispecchia il tono di questo romanzo:

"But he gave me a wide smile and looked at me like he always did, like he saw me, not the outward shell, but the shit-scared boy inside it."
(Ma lui mi fece un ampio sorriso e mi guardò come faceva sempre, come se vedesse me, non l'involucro esterno, ma il ragazzino terrorizzato al suo interno)
Voto: 8,5

Avete letto questo romanzo? Cosa ne pensate? Vi piacerebbe leggerlo?

2 commenti:

  1. Anch'io voglio leggerlo!!!!!!!! Spero che esca presto in Italia :-)

    RispondiElimina