sabato 12 novembre 2016

Romanzi che ho amato moltissimo e che mi piacerebbe veder tradotti in Italiano - Seconda Parte

Torna la mia rubrica dedicata ai romanzi che ho amato particolarmente e che mi piacerebbe moltissimo vedere tradotti in italiano.
(QUI potete leggere la prima parte)

Mexican Heath di Laura Baumbach e Josh Lanyon

Titolo: Mexican Heath
Autori: Laura Baumbach e Josh Lanyon
Editore: MLR Press
Anno: 2008
Pagine: 272
Genere: Contemporaneo, M/M, Romantic Suspense
Ambientazione: San Francisco, USA e Messico
Collegamenti con latri romanzi: sarebbe il primo romanzo della serie "Crimes & Cocktails Mystery Series" ma attualmente è anche l'unico.
Livello di sensualità: hot
Inedito in Italia

Trama: Tough, street-smart SFPD Detective Gabriel Sandalini is willing to do whatever it takes to bring down West Coast crime boss Ricco Botelli - including a dangerous, deep undercover gig as one of Botelli's hired guns. But Gabriel's best laid plans may come crashing down around him when he falls hard for the sexy, suave lieutenant of a rival Mexican drug lord. Turns out his new love interest may have a few secrets of his own: secrets that could destroy both men and the fragile bond between them.

Il detective della polizia di San Francisco Gabriel Sandalini è un uomo duro e abituato alla vita di strada, ed è disposto a fare tutto il necessario per far cadere il capo del crimine della West Coast Ricco Botelli - incluso farsi passare, sotto copertura, come uno dei mercenari di Botelli. Ma i progetti ben organizzati di Gabriel sembrano crollargli intorno quando incontra, e si prende una cotta, per il sexy e soave tenente di un signore della droga messicano. Si scopre poi che il suo nuovo amore può avere qualche segreto anche lui: segreti che potrebbero distruggere loro e il fragile legame che li unisce.

Questo romanzo è diviso in due parti: la prima è prevalentemente dal punto di vista di Gabriel, la seconda di Ortega (l'uomo con cui ha instaurato una relazione). Mentre nella prima parte conosciamo Gabriel, vediamo il modo irruento, pericoloso e senza respiro in cui vive la sua vita, nella seconda parte abbiamo più tempo e spazio per i sentimenti. Raccontare troppo di questo romanzo rischierebbe di rovinare la sorpresa di una lettura molto interessante, per cui mi limiterò a dirvi che ho molto amato entrambi questi personaggi. Gabriel è un drogato di adrenalina, vive la sua vita al massimo ed è molto bravo nel suo lavoro di poliziotto sotto copertura. Non vuole legami di alcun tipo, è solo al mondo e gli va bene così; pur essendo giovane è duro e spigoloso, e sicuramente non è facile averci a che fare. Ortega invece, pur amando il controllo, è un uomo più maturo e riflessivo: la perfetta controparte per Gabriel. E' anche l'unico che riesce a contenerlo e a farsi ascoltare.
La tensione sensuale tra i due è assolutamente perfetta, e anche la parte "crime" è ben descritta e ben bilanciata. Potendo scegliere avrei evitato una certa svolta negli avvenimenti, ma in realtà tutto ciò che accade aggiunge patos e tensione al libro, rendendo impossibile fermare le lettura. Peccato che, nonostante questo romanzo venga presentato come facente parte di una serie, a tutt'oggi rimanga in realtà l'unico.
Voto: 8/9

Prisoner  di Megan Derr

Titolo: Prisoner
Autore: Megan Derr
Editore: Less Than Three Press
Anno: 2011
Pagine: 416
Genere: Fantasy, M/M
Ambientazione: Un mondo in cui tre regni (Kria, Illussor e Salhara) sono in conflitto tra loro
Collegamenti con altri romanzi: si, è il primo libro della serie "Kria", così composta
  1. Prisoner: protagonisti Dieter e  Noname
  2. Bound: Ingolf e Erich
  3. The Bastard King: Reyes e Kinnaird
  4. Devotion: racconto con protagonista Reyes
Livello di sensualità: solo baci
Inedito in Italia

Trama: A man whom all men fear... General Dieter von Adolwulf has led the Scarlet Army of Kria to victory for the past decade, holding the infamous field known as the Regenbogen against Kria's hated enemies-the deceptive Illussor and the ruthless Salharans. War has waged between the three nations for longer than anyone can remember, but no one has held the Regenbogen as well as the notorious Wolf of Kria and his fearsome army. A man who fears nothing... Returning home at the end of the year, the Scarlet Army is attacked in the dead of night by a single man who manages to kill hundreds before he is finally captured. A Salharan soldier with no name, no purpose but to kill, he refuses to bend to the Wolf who takes him prisoner and forces upon him a despicable Krian name. A man with nothing to lose... When the rest of his army is slaughtered by Illussor soldiers desperately seeking his prisoner, Dieter determines to hold fast-both for answers and in revenge for the men he lost. But answers and revenge are hard to come by when surrounded by secrets and treachery, and the man least likely to kill him is the prisoner who most wants him dead.

Un uomo che tutti gli uomini temono... il generale Dieter von Adolwulf ha portato l'armata Scarlet di Kria alla vittoria negli ultimi dieci anni, difendendo il territorio di Regenbogen dall'attacco dei nemici di Kria: gli ingannevoli Illussor e gli spietati Salharans. La guerra si sta combattendo tra le tre nazioni da più a lungo di quanto chiunque possa ricordare, ma nessuno è riuscito a tenere il Regenbogen così a lungo quanto il famigerato Lupo di Kria e il suo temibile esercito. Un uomo che non teme nulla ... Mentre sta tornando a casa alla fine dell'anno, l'armata Scarlet viene attaccata nel cuore della notte da un solo uomo che riesce a uccidere centinaia di uomini prima di essere finalmente catturato. Un soldato Salharan senza nome, senza uno scopo se non uccidere, si rifiuta di piegarsi al Lupo che lo rende prigioniero e gli impone uno spregievole nome Krian. Un uomo con nulla da perdere... Quando il resto del suo esercito viene decimato dai soldati Illussor disperatamente in cerca del suo prigioniero, Dieter decide di tenerselo stretto sia per avere risposte sia per vendicare gli uomini che ha perso. Ma le risposte e la vendetta sono difficili da trovare quando è circondato da segreti e tradimenti, e l'uomo che ha meno probabilità di ucciderlo è il prigioniero che più lo vuole morto.

Un romanzo epico, originale e coinvolgente. Lo stile della Derr è davvero sorprendente: ha preso una storia che poteva essere pesante e difficile da gestire e l'ha trasformata in un libro scorrevole e veloce, eliminando tutte le parti inutili o pesanti e velocizzando (a volte fin troppo...) l'azione. Ha creato un mondo in cui coesistono tre regni: Kria (che basa la sua forza sulle sue armate - Scarlet, Cobalt, Verdant e Saffron), Salhara (che utilizza l'Arcen - una droga - per avere poteri magici e sconfiggere i nemici) e Illussor (un regno in cui la magia è già presente nelle persone fin dalla nascita). I tre regni sono spesso in guerra tra loro, sopratutto Kria e Salhara che si contendono il territorio di Regenbogen. L'uomo più temuto di Kria è il generale dell'armata Scarlet, Dieter von Adolwulf. Dieter è temuto perfino dai suoi stessi uomini. Quando cattura il sicario che ha ucciso un centinaio dei suoi uomini usando la magia, l'unico suo pensiero è la vendetta, fin quando la situazione non precipita. Non voglio rovinarvi la lettura di questo romanzo sorprendente raccontando troppo ma vi assicuro che è una sorpresa continua. Tiene il lettore incollato alle pagine grazie alla trama avvincente ma anche a personaggi che non ti aspetti. Dieter è un generale giovane ma è indurito dalla vita e dall'odio, Noname è un uomo che cerca disperatamente un posto in una società snob e classista, ma è anche impulsivo e immaturo. Sono divertentissimi i battibecchi tra i due ed è veramente bello vedere come si trasformano i loro sentimenti e come entrambi siano troppo testoni per rendersene conto. Interessantissimi e ottimamente caratterizati anche i personaggi secondari: Sol, Iah, Esta, Matti....
Come dicevo l'unica pecca potrebbe essere la velocità con cui si risolvono alcune delle situazioni cruciali del romanzo ma siceramente ho apprezzato molto il fatto che non si dilunghi inutilmente. Inoltre all'inizio può risultare difficile la comprensione di situazioni o avvenimenti che sembrano dati per scontati dall'autrice ed invece tutto viene spiegato dettagliatamente a tempo debito.
I seguiti sono ambientati parecchie generazioni dopo la fine di questo romanzo (peccato!) ma li leggerò sicuramente!
Voto: 9

The Slayer's Apprentice  di Zathyn Priest

Titolo: The Slayer's Apprentice
Autore: Zathyn Priest
Editore: Torquere Press
Anno: 2009
Pagine: 175
Genere: Contemporaneo, M/M, Mistery
Ambientazione: Sydney, Australia
Collegamenti con altri romanzi: no
Livello di sensualità: solo baci
Inedito in Italia

Trama: When Senior Constable Daniel Hart stops bartender Phoenix Love from picking his pocket one evening, it’s an inauspicious beginning, but Daniel falls for the beautiful Phoenix anyway. Things become complicated when Detective Paul Somerset, who’s been on the trail of Australia’s notorious serial killer “The Crucifix Slayer”, sets his sights on Phoenix. Convinced that Phoenix Love is the killer, Detective Somerset pursues him single-mindedly. As evidence, and Phoenix’s behavior, point toward Somerset being right, Daniel must protect their fledgling love affair, his own heart and his lover while deciphering whether or not Phoenix actually is the killer. Is Phoenix Love a victim or is his love affair with Daniel doomed to fall at the whims of a monster?

Quando l'agente Daniel Hart blocca il barista Phoenix Love mentre gli stà rubando il portafogli dalla tasca una sera, è un inizio infausto, ma Daniel si prende comunque una cotta per il bel Phoenix. Le cose si complicano quando il detective Paul Somerset, che è sulle tracce del famigerato serial killer "The Crucifix Slayer", mette gli occhi su Phoenix. Convinto che Phoenix Love sia il killer, il detective Somerset lo persegue risolutamente. Mentre le prove, e il comportamento di Phoenix, sembrano dare ragione a  Somerset, Daniel deve proteggere la loro storia d'amore nascente, il suo cuore e l'uomo che ama, cercando anche di capire se Phoenix è in realtà l'assassino. Phoenix Love è una vittima o la sua storia d'amore con Daniel è destinata a cedere ai capricci di un mostro?

Wow! Inizio dicendo che questo libro più che un romance è un romanzo giallo, in cui capire chi è il killer e come fermarlo è la parte centrale della storia. Una storia che tiene il lettore costantemente sul filo del rasoio, con una buona dose di suspense e di particolari agghiaccianti sugli efferati omicidi. Tutto ciò per dirvi che sconsiglio la lettura a chi non ama il genere crime, o a chi è impressionabile; chi invece ama i romanzi gialli e i serial killer, ma non disdegna un pò di sentimento, credo proprio che lo troverà accattivante. Non voglio svelarvi oltre della trama, perchè anche se alcune cose sono chiare fin da subito, altre sono state una sorpresa e non voglio rovinare la lettura a chi è interessato. Voglio però spendere due parole su Phoenix, un personaggio così ben costruito da mettere in ombra tutti gli altri; un ragazzo di 19 anni che è passato attraverso l'inferno, e si vede. Alle cicatrici sul corpo vanno aggiunte quelle sulla sua psiche, talmente profonde da averlo fatto diventare il principale sospettato per i delitti. E' impossibile non provare pietà per lui, ma anche rabbia verso le sue manipolazioni. Un romanzo scritto molto bene, con dovizia di particolari sulla mente e le sue patologie. Unica critica che mi sento di muovere all'autore è che spesso ci racconta cosa succede invece di mostrarcelo; soprattutto verso la fine avrei voluto "vivere" di più la storia. 
Voto: 8

2 commenti:

  1. Questo libro è FANTASTICO e anche se (come te) ho odiato una certa svolta negli avvenimenti, l'ho adorato e penso sia uno dei romanzi di questo genere più bello che abbia mai letto (secondo solo, forse, a Effetti di chiaroscuro). Ho letto anche un piccolo racconto a seguire, ma sono anni che aspetto un seguito. Sono certa che se venisse tradotto farebbe strage qui in Italia!!!! Sai un altro libro bellissimo che mi piacerebbe vedere tradotto? The island di Lisa Henry!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Agnes!!! Grazie per avermi ricordato "The Island"! Lo proporrò sicuramente nei prossimi post! :)

      Elimina